Stai facendo abbastanza sesso?




By
F. Guzzardi
Secondo Robert Weiss, psicoterapeuta specializzato in disturbi sessuali e intimi, in molti individui e coppie, la quantità di sesso che hanno (o non hanno) può essere preoccupante.

Molti di loro si chiedono: "Quanto lo sto facendo ora?" E "Quanto sesso dovremmo avere per essere sani e felici?"

Il più delle volte la preoccupazione espressa, tranne che nei casi di compulsività sessuale, è che l'individuo o la coppia non sono sessualmente appagati. Ma qualunque sia la paura, che sia troppo o meno, le persone che pongono queste domande in genere sentono una notevole quantità di stress e ansia per ciò che considerano una vita sessuale potenzialmente malsana.

Cosa è sano?

Questa è una domanda un po pesante. Se questa richiesta la rivolgiamo a Google, otterrai una serie incredibile di risposte. Alcuni dei dati più metodicamente ottenuti (e quindi i più verosimilmente corretti) sono forniti dalla General Social Survey, che ha monitorato i comportamenti sessuali (americani nel nostro caso) dall'inizio degli anni '70. Il GSS suggerisce che le coppie sposate facciano sesso circa 58 volte all'anno. Ma questo numero non considera l'età della coppia o per quanto tempo sono stati insieme. In altre parole, questa statistica non distingue tra persone di 20 anni e anziani, o persone che si sono appena sposate e coloro che sono stati insieme per mezzo secolo. Altre informazioni fornite dal GSS suggeriscono in modo più utile che le coppie di ventenni hanno sesso in media 111 volte all'anno, e che la frequenza del sesso diminuisce di circa il 20% ogni decennio con l'invecchiamento delle coppie.

Adesso starete contando decenni e percentuali sulle dita della mano, sono sicuro. Dopotutto, siamo umani e questo problema, nonostante la mia eta` avanzata, mi preoccupa non poco.

Sfortunatamente per coloro che cercano risposte accurate sulla "normalità", anche i dati GSS potrebbero essere fuorvianti, come discusso in un articolo del New York Times del gennaio 2015 di Seth Stephens-Davidowitz.

Lui ha analizzato i dati del General Social Survey, un classico sito di ricerca. Uomini eterosessuali di età superiore ai 18 anni affermano di avere una media di 63 atti sessuali all'anno, utilizzando un preservativo nel 23% di loro. Ciò comporta oltre 1,6 miliardi di usi condom eterosessuali all'anno. Le donne eterosessuali affermano di avere una media di 55 atti sessuali all'anno, usando il preservativo nel 16% di loro. Ciò equivale a circa 1,1 miliardi di usi condom eterosessuali all'anno. Chi sta dicendo la verità, uomini o donne? Nessuno dei due. Secondo Nielsen, meno di 600 milioni di preservativi vengono venduti ogni anno.

Quindi: Apparentemente le persone tendono a mentire quando gli viene chiesto del sesso, anche quando vengono intervistati da ricercatori scientifici anonimi come quelli impiegati dal GSS. Chi loavrebbe mai immaginato?

Il mio punto è che "il numero medio di incontri sessuali" fornito anche dal GSS può essere estremamente impreciso e probabilmente distorto. In altre parole, la maggior parte delle persone non fa sesso quasi quanto vorrebbe che gli altri pensassero che lo facessero.

Quindi, ancora, cosa è normale? Forse il più recente Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (comunemente indicato come DSM-5) - il libro che funge da "bibbia diagnostica" dell'Associazione Psichiatrica Americana - può chiarire le cose per noi.

 Il DSM-5 elenca due disturbi legati alla mancanza di attività e / o interessi sessuali, uno per ogni genere. Le donne potrebbero avere disturbo dell'eccitazione; e gli uomini, disordine sessuale da desiderio sessuale ipoattivo. È interessante notare che i criteri diagnostici per i due problemi sono estremamente simili. (Quindi perché due?) Essenzialmente, sia maschi che femmine, la mancanza di attività o interesse sessuale è patologizzata se e quando:

    Il disinteresse sessuale dura per sei mesi o più.


    Il disinteresse sessuale causa un significativo disagio all'individuo: stress, ansia, depressione, paura, ecc.
    Il disinteresse sessuale non è attribuibile a un fattore esterno come l'abuso di sostanze, gli effetti collaterali del farmaco, una condizione medica o un grave trauma relazionale (come accade con la violenza domestica, ad esempio).

Si noti che anche il DSM-5 non dà un numero specifico di incontri sessuali che rende una persona sottosviluppata. Quindi, in termini di conoscenza di quante persone del sesso dovrebbero (o non dovrebbero) avere, il DSM-5 non è molto utile. Né dovrebbe essere, perché la frequenza sessuale è una preferenza individuale. Una persona potrebbe fare sesso due o tre volte alla settimana e sentire che dovrebbe farne di piu`, mentre un'altra persona potrebbe fare sesso una volta ogni luna piena e sentire che è più che sufficiente.

Nessuna delle due persone dovrebbe essere patologizzata per questa differenza.

Il punto che sto cercando di fare qui è che in entrambi i casi - molto sesso o molto poco - non c'è bisogno di farsi prendere dal panico. Sì, potresti fare sesso molto più spesso di quanto pensi sia normale (qualunque cosa sia), ma questo non ti rende ipersessuale, né fare sesso raramente (o non farlo affatto) ti rende clinicamente sottodimensionato e bisognoso di un trattamento psicoterapeutico . Se uno di questi due estremi ti sta causando un disagio significativo, ovviamente, e se ascoltare i fatti sulla frequenza sessuale (come sono) non aiuta ad alleviare il tuo disagio, potresti voler cercare assistenza professionale. D'altra parte, se la semplice constatazione che tu sei probabilmente più "normale" di quanto pensassi diminuisca lo stress e l'ansia, allora dovresti procedere di conseguenza.
Un fattore globale che la scienza sta appena iniziando ad esplorare è la differenza tra l'eccitazione sessuale fisica e il desiderio di fare sesso. Fino a poco tempo fa, si pensava che se gli uomini e / o le donne stavano vivendo l'eccitazione sessuale, allora avrebbero anche voluto e probabilmente fare sesso. Ora stiamo scoprendo che questo non è il caso, in particolare per le donne, che, in generale, hanno bisogno di sentire non solo l'eccitazione fisica, ma una connessione emotiva prima che desiderino pienamente il sesso. In altre parole, l'eccitazione fisica non è sempre sufficiente.

E in verità non sono solo le donne che hanno bisogno di una connessione emotiva per poter completamente desiderare e godersi il sesso. Anche molti uomini lo fanno. È interessante notare che questa realizzazione ha recentemente generato un nuovo genere di identificatori della sessualità. In questi giorni, le persone non si identificano semplicemente come etero, gay, lesbica o bi; abbiamo anche etichette mutevoli come demisessuali e grigi-asessuate. (Nel caso ve lo stiate chiedendo, i demisessuali dicono che raramente sentono il desiderio sessuale, e quando lo fanno è solo nel contesto di una stretta relazione, mentre i grigi-asessuali fluttuano tra l'asessualità e un livello più normale di interesse, qualunque cosa sentano normale potrebbe essere.) Indipendentemente dalla terminologia, ci sono un numero crescente di persone che accettano liberamente che è perfettamente ok di avere poco o nessun interesse per l'attività sessuale. In altre parole, capiscono e accettano che è solo quando la mancanza di sesso sta causando un disagio significativo a una persona e / o al suo partner romantico che diventa problematico.

Allora, dove ti poni nello spettro sessuale? E la risposta è davvero importante?

La semplice verità è che la sessualità umana taglia un ampio margine in termini di ciò che le persone amano fare, quanto spesso gli piace farlo e con chi a loro piace farlo (se c'è qualcuno). Inoltre, questi desideri, specialmente in relazione alla frequenza sessuale, possono essere significativamente influenzati da tutti i tipi di fattori interni ed esterni - età, salute fisica, benessere psicologico, intimità emotiva, farmaci, abuso di sostanze, dolore, lavoro, stress finanziario, ormonali squilibri, ecc.Detto questo, è più facile capire che non esiste una norma quando si tratta della quantità di sesso che dovresti avere.
Se sei a tuo agio con la quantità di sesso che stai avendo, allora stai avendo la giusta quantità di sesso, anche se la quantità di sesso che stai avendo è poca o niente affatto.
Proprio come le persone possono essere eterosessuali, omosessuali o bisessuali, possiamo anche essere ipersessuali, asessuali, demisessuali, grigiosi asessuati o qualsiasi altra cosa. E non c'è niente di intrinsecamente sbagliato in tutto questo. Finché la tua attività sessuale (o la sua mancanza) non ti sta causando stress e ansia, diminuendo la tua autostima, nuocendo agli altri, infrangendo la legge o causando problemi nelle tue relazioni
o creando conseguenze negative sulla vita, non devi preoccuparti. Dovresti anche capire che, se sei ancora preoccupato per la tua mancanza di attività sessuale, molte volte l'ipoesessualità è un problema medico che può essere trattato con vari farmaci e / o lubrificanti. E nei casi in cui il problema non è di natura fisica, ci sono molti terapeuti specializzati nell'aiutare le persone a guarire da problemi sessuali. 

Grazie al Dottore Robert Weiss  ed all'associazione americana di educatori, consulenti e terapisti di sessualità, eccellente fonte di riferimento.)

Post popolari in questo blog

Gradini

Lettera alla mia migliore amica

26 Giorni