Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Il rinnovarsi delle cose che cambiano

Immagine
  By F. Guzzardi
Sono le cose che cambiano, hanno il senso della memoria, si cibano di illusioni e delle cose che restano, sono le appendici dell'io genetico, che ci porta ad errare sempre. Questo e` un estratto di una memoria degli emigranti Italiani in America ma potrebbe essere anche un altro popolo, uno a caso, Siriano, Palestinese o altro. E` un pezzo di una vecchia storia, troppo vecchia, gia` dimenticata e rinnovata in altre salse, piu` moderne , adatte al ciclo della vita.
Nella storia e geografia (anche per uso scolastico) scritta
da un certo Hendrick Villen Von Loon pubblicata in Filadelfia
nel 1922, si legge: " I greci ebbero i loro rivali. Noi chiamiamo
romani questi rivali. Ora voi li vedete ogni giorno. Essi non conquistano
più il mondo come i loro antenati ma sono sporchi e lavorano nelle  ferrovie o vendono le banana e le nocciuole."
Una professoressa della "Western Review" dette ai suoi scolari il seguente tema: "Enumerate le ragioni dell&…

Le banche di Renzi e quelle della Boschi

Immagine
by F. Guzzardi
Ecco cos’è il decreto salva-banche, le cause e le conseguenze del fallimento delle 4 banche riassunti in 5 punti.
1) Le cause del fallimento di Banca Marche, Carichieti, Carife e Banca Etruria Banca Marche, Carichieti, Cariferrara, Banca Etruria.Perché queste banche sono fallite? Le cause principali risiedono in operazioni spericolate, perdite senza fine e crediti in sofferenza generati spesso da concessioni creditizie di dubbia solvibilità.
Banca Marche Per quel che riguarda Banca Marche, la crisi della banca è scaturita da concessioni “libertine” di prestiti, erogati per gran parte dal vecchio Cda e dall’ex-ad della banca Massimo Bianconi. I prestiti erogati si sono ben presto trasformati in crediti incagliati per un valore complessivo di oltre €3 miliardi e che hanno convinto Bankitalia a chiedere il commissariamento della banca marchigiana nel 2011 (nel 2012 la banca rivelò un buco di bilancio pari a €512 milioni).


Banca Etruria, la banca di Boschi e Renzi?
In …

Mai dire....soli

Immagine
Chiudersi in un mondo talmente privato da essere condiderato unico è  sinonimo di paura di vivere.  Le nostre considerazioni più profonde sul senso della vita, non possono che farci apparire ,agli occhi altrui , come anime perse,dal nulla come "Angeli" vendicatori del nostro affascinante mondo interiore. La solitudine,prima Donna, in questo gioco malizioso, ci accompagna e foraggia i nostri pensieri più  singolari con sofisticata esperienza.Sotto la coltre spessa e ghiacciata, di solitudini antiche, albergano sentimenti puri di persone delicate e sensibili , che non vendono facilmente al sapere comune ,le loro schiavitù  intellettuali. Introspezioni umanamente criticabili..s'impossessano del ..Noi..e ci fanno sembrare colorato e positivo ,un mondo talvolta triste..perché disamorato.. Cosa dire dell'Amare..provare sentimenti astratti e simulazioni ingenue ,di un miraggio affascinante ,o solo gnaulenti retaggi di legami immaginati?! Eppure quando ci &quo…

Lettera alla mia migliore amica

Immagine
Ti conosco da quando eri bambina, ti ho vista crescere ed ho notato in te quella espressione triste, gli occhi piangenti di chi ricorda cio’ che vorrebbe dimenticare. Hanno tirato I tuoi capelli e ti hanno forzata a fare cio’ che tu, incredula, hai stentato a credere, in quell’angolo buio dove tracce di sangue cancellate dalla pioggia ma che tu ancora vedi e che ti lacerano dentro ogni volta che ripensi la scena. Di notte, non sogni piu’ di essere afferrata con violenza, buttata a terra e sovrastata da due mostri, ma sogni di essere forte e combattente: una notte spari, munita di fucili a canna, la notte successiva li tagli con un coltello da cucina, e ancora li pugnali o li leghi. Di notte, nella tua solitudine sei forte, non sei impotente come quella sera, dichiari vittoria. Poi ti svegli piangendo e la realta’ ti si spiaccica davanti sfrontata. L’ennesima doccia cancella come a scrollarti di dosso quell’odore, quelle mani sporche che si infiltrano tra le mutande, e lasci l’acqua …