martedì 16 febbraio 2016

L'industria europea manifesta a Bruxelles per fermare il dumping cinese e rifiutare il MES

Say Yes to Jobs & Fair Trade, Say No to MES for China March on BrusselsBRUXELLES, February 15, 2016
5.000 lavoratori di 17 nazioni europee manfesteranno oggi a Brussels per esortare i leader europei a cessare il dumping e negare alla Cina lo Statuto di Economia di Mercato (MES). 
Milan Nitzschke, portavoce di AEGIS Europe, ha dichiarato: "Stiamo manifestando oggi a Bruxelles a migliaia per dare un chiaro messaggio ai diregenti europei: "SÌ all'occupazione e al commercio corretto; NO al MES per la Cina! ".
AEGIS Europe è un'alleanza di circa 30 settori industriali europei che insieme genera oltre 500 milliardi € di fatturato annuo e milioni di posti di lavoro.
La manifestazione di oggi a Bruxelles inizierà alle 11.30 presso la rotonda Schuman, di fronte alla Commissione europea. I lavoratori e le aziende leader nel settore, provenienti da 17 nazioni europe (Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Francia, Finlandia, Germania, Paesi Bassi, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Polonia, Romania, Spagna, Slovacchia, Svezia e Regno Unito) sono uniti dal Manifesto Industriale Europeo per un Commercio Libero e Corretto.
"Il 75% di tutte le misure antidumping dell'UE coinvolge la Cina.  Nelle ultime settimane, il Commissario europeo per il Commercio Malmström é stato sommerso di nuovi reclami relativi a pratiche sleali da parte della Cina. Mentre giornalemente le fabbriche chiudono in tutta Europa, come può la Commissaria europea parlare pubblicamente di concedere il MES alla Cina? ", ha commentato Nitzschke.
"Gli obiettivi UE per il 2020 comprendono la riduzione di CO2 del 20%, l'innalzamento del tasso di occupazione e l'incremento del contributo dell'industria al PIL portandolo al 20%. Se l'UE dovesse concedere il MES alla Cina, questi obiettivi diventerebbero obsoleti. Il MES lascerebbe l'Europa senza diffese contro una marea di importazioni cinesi che ridurrebbero i posti di lavoro europei e dannegerebbero l'ambiente" ha commentato Nitzschke.
La Commissione europea ha ammesso, lo scorso 9 febbraio in occasione dell'inizio della valutazione d'impatto, che la Cina non è riuscita a dimostrare di essere un'economia di mercato e che il MES rappresenta un rischio reale per l'occupazione e gli investimenti nell'UE.  L'Economic Policy Institute ha stimato che fino a 3,5 milioni di posti di lavoro nell'UE e 228 miliardi € di PIL annuo sono minacciati dalla concessione prematura e unilaterale del MES.
"Concedere il MES alla Cina sarebbe come dare una licenza illimitata al dumping cinese. Oggi il dibattito europeo é concentrato sull'effetto distruttivo del dumping sull'acciaio, i pannelli solari, la ceramica e la fibbra ottica. Se l'UE concede la qualifica di MES alla Cina, ci ritrovermeo presto davanti a un commercio sleale nel settore automobilistico, ma anche nell'ingegneria meccanica, materiali avanzati, telecommunicazioni e tanti altri settori strategici europei ", ha concluso Nitzschke.

SOURCE AEGIS Europe

mercoledì 10 febbraio 2016

Italtel e Telarix lanciano una soluzione per il controllo di reti complesse

ITALTEL Logo
 
L'architettura integrata è già stata messa in campo per uno dei principali service provider globali a livello internazionale 
Italtel, azienda di telecomunicazioni leader nella Network Functions Virtualization (NFV), nei managed services e nella comunicazione All IP, e Telarix, leader di mercato nelle soluzioni di ottimizzazione dell'interconnessione business, annunciano oggi di aver sviluppato una soluzione end-to-end completa per il controllo delle reti di grandi dimensioni.

La soluzione integra la suite wholesale di business automation iXTools di Telarix e il prodotto i-RPS di Italtel (un server centralizzato di instradamento e policy), per permettere un facile provisioning di servizi complessi, un più rapido rilascio della soluzione e una conseguente riduzione dei costi di gestione.
Semplificando la logica di business, la soluzione permette a tutti gli enti, dall'ingegneria, agli acquisti, all'audit, una miglior sinergia attraverso gli strumenti di Telarix e riduce la complessità delle attività di integrazione di rete, grazie ai prodotti Italtel, le sue competenze e le sue conoscenze sulle reti complesse.
"La nostra partnership con Italtel combina due piattaforme per offrire un'architettura end-to-end per reti complesse " - afferma Luciano Garavaglia, VP Global Channels di Telarix. "Differenti regole di policy e instradamento, costi di routing ridotti al minimo, una massiccia fornitura e servizi standard di rete intelligente, sia integrati sia attivati da un Service Control Point esterno (SCP), sono solo alcuni di tutti i servizi che possono essere gestiti all'interno di una soluzione come questa".
Il prodotto i-RPS di Italtel può essere usato per tutte le tipologie di rete, incluse le reti IMS e quelle di Nuova Generazione, fisse o mobili, e utilizza una funzione centralizzata per raccogliere e calcolare i dati richiesti per fornire logiche di routing e policies basate sulle esigenze specifiche di un service provider, accellerando il suo time-to-market e mettendo a disposizione dei suoi utenti servizi all'avanguardia.
Stefano Pileri, amministratore delegato di Italtel commenta: "Siamo estremamente soddisfatti della partnership con Telarix. Facendo leva sulle nostre capacità complementari, possiamo soddisfare le esigenze dei service provider riguardo il controlllo e l'interoperabilità delle reti, così come la riduzione delle spese operative grazie a modelli di routing pre-integrati e a una realizzazione rapida e time to market".
Italtel progetta, sviluppa e realizza soluzioni per reti e servizi di telecomunicazioni di nuova generazione, basati su protocollo IP. Offre soluzioni e prodotti proprietari, servizi professionali integrati per il progetto, lo sviluppo e il mantenimento delle reti; servizi di IT System Integration e attività di Network Integration e Migration. Ha messo a punto soluzioni nell'ambito della comunicazione unificata, della collaboration, dei data center di nuova generazione, delle smart grid, dell'IoT, dell'eHealth.Italtel è presente in numerosi Paesi nel mondo come Italia, Francia, Germania, Spagna, Polonia, UK, Grecia, Argentina, Brasile, Colombia, Peru, Ecuador.  
Telarix - Con oltre 4.000 carriers, Telarix è sostanzialmente il leader per lo scambio elettronico di informazioni. Ogni giorno, diamo forza ai nostri clienti con fatturazione all'ingrosso, la business intelligence, la gestione delle frodi, soluzioni di routing e di regolamento partner di minor costo. http://www.telarix.com

SOURCE Italtel and Telarix

lunedì 8 febbraio 2016

Dare forma ai governi del futuro

Oltre 3.000 partecipanti affronteranno sfide e soluzioni globali per dare forma alle società di domani 
DUBAI, Emirati Arabi Uniti, 6 febbraio 2016 /PRNewswire/ -- Dall'8 al 10 febbraio, il governo degli Emirati Arabi Uniti ospiterà centinaia di leader provenienti da tutto il mondo per il World Government Summit 2016 (Vertice governativo mondiale 2016) fra rappresentanti governativi, dirigenti aziendali, imprenditori, capi di organizzazioni multilaterali. Il tema di quest'anno è 'Shaping Future Governments' (Dare forma ai governi del futuro) con un'agenda incentrata su sfide e soluzioni globali riguardo l'erogazione di servizi pubblici.
Il presidente statunitense Barack Obama aprirà il vertice tramite videoconferenza e l'evento vedrà come interpreti rappresentanti di oltre 125 Paesi, abbracciando settori tanto del pubblico e del privato quanto accademici, fra cui: Paul Kagame, presidente del Ruanda; Jim Yong Kim, presidente della Banca Mondiale; Jose Angel Gurria, segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione economica e lo sviluppo (OCSE); Kathy Calvin, presidente e amministratore delegato della Fondazione delle Nazioni Unite; Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum (Forum economico mondiale); Nabeel Al Araby, segretario generale della Lega Araba.
Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vice presidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti oltre che sovrano di Dubai, ospiterà il vertice. Condurrà una conversazione sui social media riguardo il "Dialogue of the Future" (Dialogo del futuro) con i suoi dieci milioni di seguaci, dove risponderà a domande inerenti la sua visione sul futuro di governi, istruzione, sanità, città e altri settori vitali.
Il vertice includerà il Museum of the Future (Museo del futuro), che illustrerà le nuove tecnologie in grado di supportare i servizi pubblici, e la mostra Edge of Governments (Avanguardie governative), che metterà in evidenza 15 studi di caso sulla governance 2.0. Premierà inoltre i vincitori come 'Best Minister in the World' (Miglior ministro del mondo), 'Best Mobile Government Service' (Miglior servizio pubblico mobile) e 'Innovative Teacher' (Insegnante innovativo). In seguito al vertice, gli organizzatori pubblicheranno diversi sondaggi e rapporti di ricerca.
L'agenda sarà disponibile qui e i video del vertice saranno pubblicati qui.
Informazioni sul World Government Summit
Sin dal 2013, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha ospitato un vertice annuale che riunisce funzionari di governo, leader di pensiero, intellettuali, politici e dirigenti del settore privato per discutere delle migliori modalità di sviluppo per i futuri governi. Per ulteriori dettagli visitare il sito web https://worldgovernmentsummit.org/. Seguiteci su Twitter tramite @WorldGovSummit; #WorldGovSummit.



SOURCE World Government Summit