Filosofia leggera

Sulle tracce della comprensione



By, F Guzzardi
A dire il vero, il mercato dell'informazione si e` largamente democratizzato con l'avvento di internet ma in realta` e come sempre accade, quando c'e` la quantita`, per forza di cose viene a mancare la qualita`.
Ma quali siano le ragioni di questa scarsa qualita` d'informazione o forse sarebbe meglio parlare di "falsa informazione" e` un dato di non semplice soluzione.
La liberta` d'espressione globale che offre la rete internet, ha dato vita a "forme di vita" fino a poco prima impensabili per gran parte della popolazione mondiale. Basti pensare a movimenti politici,di pensiero,associazioni culturali o blogs come questo,per rendersi conto di quale micidiale arma ci siamo dotati.Il mondo non e` mai stato cosi` piccolo come negli ultimi 20 anni e basta un click per mettersi in contatto con tutti e con tutto; tanto che anche una semplice azione come uscire fuori per fare un passeggiata, ridiventa un momento piacevole e distensivo.
Come tutte le democrazie, anche quella virtuale ha bisogno di crescere; confondere la liberta` d'espressione con libertinaggio e` una costante nelle giovani democrazie.Sui siti sociali, per esempio,molti cercano consensi con affermazioni corredate da foto che lasciano il tempo che trovano.
Molto alla moda l'infierire contro i politici ed i loro guadagni o su altre presunte o vere ingiustizie sociali,tutti possono giustamente dire tutto ma pochi sanno dosare le loro opinioni con moderata riflessione.Se voglio ottenere consensi in FB, mi basta scrivere: "Guardate questo politico, guadagna 10 volte lo stipendio di quest'altro povero pensionato!" oppure : Se siete contro la violenza sui bambini condividete!"( allegata foto di bimbo che piange)  o ancora :"Quest'artista guadagna in un giorno piu` di quanto guadagni tu in un anno!" (naturalmente l'artista in questione non fa parte dei suoi preferiti) e "questo povero cane, e` stato abbondanato da un cattivo umano" ( ci siamo dotati di un sistema di autoflagellazione che ci rende responsabili di crimini contro la natura).
Poi siamo in grado, non solo di contestare le notizie false, ma anche di replicare di fronte all'evidente. Potenza dell'informazione libera, possiamo non essere d'accordo su fatti reali e condividere semplici e banali trucchetti per ottenere consensi.
Una grande rivoluzione di cui noi cinquantenni percepiamo l'influenza innovativa ma che sembra essere un semplice accessorio per le nuove generazioni nate nell'era dei computers.
Le notizie piu` clamorose sono su internet con il titolo di "Quello che i giornali non vi diranno mai!" ma chissa` poi perche`? Perche` mai un giornale dovrebbe omettere quella o questa notizia che (se veramente importante) potrebbe far guadagnare soldi al giornale stesso? " la nostra ignoranza e` la loro forza!" e` un'altro slogan molto in uso su internet ma chi ti dici di rimanere ignorante? Nessun media impone una notizia, siamo sempre liberi di cambiare canale o giornale o cercare altrove se non siamo sodisfatti e poi chi sono "loro"? Chi trama alle nostre spalle, cosa si nasconde? chi ci vuole ignoranti?
Allora la capacita` di distinguere il bene dal male e di definirlo, e` un elemento molto sottile in mano a noi stessi,possiamo farne uso o non, possiamo, noi! manipolare la realta` a nostro piacimento e renderla accettabile senza bisogno di tirare in ballo macchiavelliche manipolazioni, e` forse un primo passo verso la saggezza, anche se solo virtuale.


Post popolari in questo blog

Gradini

Lettera alla mia migliore amica

26 Giorni